Cos’è l’amianto

L’amianto è un minerale presente in natura che per le sue molteplici caratteristiche è stato largamente utilizzato in diversi settori dell’edilizia nonché negli impianti tecnologi o nei mezzi di trasporto.

La bassa conducibilità termica e l’elevata resistenza agli agenti chimici ed alla trazione, sono alla base dell’elevato potere isolante e coibentante dell’amianto. Molto diffuso in natura, può essere anche filato o tessuto, con eccezionali caratteristiche di incombustibilità e coibenza (capacità di isolante termico, elettrico o acustico).

Quando è pericoloso

La pericolosità dell’amianto è legata alla possibilità di dispersione di fibre nell’aria ed alla friabilità del materiale. Un materiale si dice friabile quando può essere facilmente sbriciolato con la semplice pressione delle dita.

L’amianto è, infatti, pericoloso solo in caso di:

  • deterioramento;
  • insufficiente manutenzione;
  • danneggiamento volontario;

Dove lo si trova

In edilizia a matrice friabile:

  • negli edifici, spruzzato o intonacato sulle pareti;
  • sui soffitti e strutture metalliche portanti;
  • cartoni fonoassorbenti;
  • rivestimenti di tubazioni per il trasporto dei fluidi;
  • cavi con isolante in amianto inglobato;
  • centrali termiche;
  • guarnizioni.

In edilizia a matrice compatta:

  • lastre ondulate per coperture;
  • lastre ondulate per controsoffitti;
  • lastre ondulate per pareti;
  • pavimenti in vinil amianto;
  • canne fumarie;
  • tubazioni di scarico;
  • tubazioni acqua potabile;
  • cassonetti acqua potabile.

Nei mezzi di trasporto: treni, autobus, navi (coibentazione carrozze, freni, frizioni, guarnizioni, schermi parafiamma, condotte di riscaldamento, vernici e mastici antirombo). In questi casi si parla sempre di materiali in cemento amianto.

Vuoi informazioni o un preventivo?Contattaci